NEWS

MARKETING PUBBLICITÀ CRM SALES 

Archivio News

Software blocca-spot

  • Cresce l’utilizzo di software per bloccare la visualizzazione di pubblicità sulle pagine web per ragioni di privacy e navigazione più fluida

Sono sempre più gli utenti che decidono di attivare filtri con l’obiettivo di bloccare la visualizzazione di pubblicità online, una stima in termini di utenti che ad oggi sfiora i 198 milioni. Questo dato pone in evidenza come stia crescendo il numero di internauti che non vogliono più visualizzare la pubblicità nelle diverse pagine web poiché dei 198 milioni, un + 41% su base annua, 77 milioni sono gli utenti residenti in Europa e 4,7 milioni sono in Italia.

Adobe e PageFair hanno condotto uno studio in merito a questo argomento dalla quale ne emerge il seguente dato: l’utilizzo di software per bloccare la pubblicità online ha generato una forte perdita in termini di ricavi. Questa perdita è cresciuta di anno in anno poiché nel 2013 aveva raggiunto i 7,2 miliardi di dollari, nel 2014 gli 11,7 fino a raggiungere una stima che si aggira intorno ai 21,8 miliardi di dollari per quanto riguarda l’anno 2015. Altro risultato posto in evidenza dall’utilizzo dei filtri è il raggiungimento nel 2016 di una cifra che si aggirerà intorno ai 41,4 miliardi di dollari in termini di mancati ricavi a livello di pubblicità online.

La situazione mondiale presenta un quadro nella quale gli utenti che hanno deciso di utilizzare tali filtri sono aumentati negli Stati Uniti del 48% (45 milioni di utenti circa) in un anno mentre la situazione a livello europeo registra un aumento percentuale pari a 38 (circa 77 milioni di utenti). Tra i diversi Paesi coloro che più hanno utilizzato i filtri blocca-spot sono Grecia (36,7%) e Polonia (34,9%). Mentre, per quanto riguarda coloro che meno hanno attivato tali software emergono l’Italia, con un livello percentuale pari al 12,9, la Francia con un 10,3% e la Slovacchia con l’8,9% in termini di utenti che hanno attivato i filtri.

Per quanto riguarda l’attivazione di anti-spot da browser per pc emergono per Google Chrome 126 milioni di utenti, 48 milioni per Firefox mentre per Safari di Apple 9 sono i milioni di utenti che hanno provveduto all’utilizzo di tali software.

Non ancora diffusi sono invece i filtri attivati da Tablet e Smartphone anche se il panorama in merito al loro utilizzo è destinato a cambiare.

E-Business Consulting S.r.l. si occupa della gestione di campagne pubblicitarie online atte ad aumentare la visibilità dei brand e delle aziende. Le sue competenze variano da campagne Display, campagne Social, Real Time Bidding al Video Advertising.

I NOSTRI CLIENTI