NEWS

MARKETING PUBBLICITÀ CRM SALES 

Archivio News

SMM Day Italia 2016

  • Si è tenuta ieri a Milano la quarta edizione del Social Media Marketing Day Italia

L’auditorium de Il Gruppo Il Sole 24 ORE ha ospitato ieri la quarta edizione del Social Media Marketing Day Italia, occasione per gli operatori del settore e le aziende di incontrarsi e confrontarsi, conoscere i trend e individuare le opportunità del mercato.

Numerose e importanti le testimonianze presentate: dalle storie di successo alle best practices, dagli annunci di sviluppi tecnologici ai racconti, non meno illuminanti, degli sbagli e degli errori.

Una lunga giornata che ha stimolato idee e nuove prospettive. In particolare, questi sono i punti che, per una ragione o per l'altra, ci hanno colpito (anche se qualcuno meriterebbe un approfondimento):

1- i trend del momento sono mobile ed entertainment: gli utenti navigano principalmente per trovare distrazione, è necessario creare contenuti e fare storytelling dei propri prodotti e del proprio marchio, diventando veri e propri "brand journalist";

2- i siti web devono essere snelli e semplici, poiché stanno diventando mere vetrine, landing page per utenti che spesso vi accedono da mobile con una navigazione più superficiale di quella a cui si era abituati su desktop;

3- è indispensabile studiare una "customer-experience-centric strategy": la comunicazione dell'azienda deve dare priorità all'esperienza di navigazione e interazione del cliente, ma per fare ciò deve sapere chi è realmente il suo cliente. Moltissime aziende italiane, nonostante in possesso di importanti CRM ricchi di dati dei propri customer, ancora non hanno imparato ad usare queste informazioni e non hanno mai provato a delineare una "buyer persona";

4- le app stanno perdendo il loro fascino: nel 2015, il 50% degli utenti di smartphone negli USA non hanno scaricato nuove app. Sviluppare una app che non dia un vero e importante valore aggiunto a un servizio o prodotto non solo è inutile ma dannoso;

5- molte ricerche sul web avvengono in realtà nelle app (ad esempio hotel o ristoranti) e solo in seguito vengono utilizzati i motori di ricerca per effettuare ricerche più mirate: ciò naturalmente incide sulle campagne su rete di ricerca e i grossi player (Google e Bing in primis) dovranno in qualche modo trovare nuove soluzioni;

6- snapchat, che ha ritmi di crescita vertiginosi, è un social network molto diverso dagli altri: un uso efficace di questo canale prevede un approccio e una strategia (ed un linguaggio!) totalmente nuovi rispetto a quanto si fa abitualmente. E naturalmente va tenuta in considerazione l'audience a cui il social si rivolge (con un'età media molto bassa e una insaziabile necessità di comunicare);

7- facebook sta diventando il più grande magazzino virtuale, dove una azienda può mettere in evidenza i propri prodotti e farsi notare da un target altamente profilabile; in Asia, poi, il social network sta sperimentando il suo eCommerce. Ci saranno novità...

8- nonostante i necrologi di twitter, il social del cinguettio è ancora vivo e vegeto ed è un canale molto usato per il customer support (e se gestito bene può aumentare la fidelizzazione dei clienti);

9- parlando di customer support, i social offrono grandissime opportunità, ma vanno gestiti responsabilmente, garantendo velocità, completezza delle informazioni e onestà. Ed una buona dose di empatia verso il cliente!

10- gli hashtag rappresentano i bisogni e i desideri delle persone;

11- l'era degli influencer è finita: oggi ogni singola persona è un influencer. Siamo sempre più abituati a navigare il web o le app quando riceviamo notifiche (guardiamo whatsapp quando compare un cerchiolino verde di un nuovo messaggio, accediamo a facebook quando un cerchiolino rosso ci indica un nuovo like, apriamo instagram quando un cuore ci segnala un nuovo follower): e queste notifiche provengono dai nostri amici e conoscenti, da singole persone e non dai brand.

Fare marketing sui social non è una scienza: non esistono formule esatte perché i comportamenti sono dettati dall'emotività degli utenti e dai contesti non sempre definibili a priori. Ma se si impiega un approccio professionale, aiutandosi con i dati, le metriche e una certa dose di esperienza e buon senso, le possibilità offerte dalla rete sono davvero infinite.

Una buona campagna deve quindi essere una sintesi di preparazione, competenza, buoni contenuti e soprattutto onestà. E a volte anche un pizzico di fortuna.

E-Business Consulting è agenzia specializzata in attività di social media marketing. Richiedi Preventivo

I NOSTRI CLIENTI