Amazon vs eBay

  • I due marketplace più famosi a livello mondiale a confronto. Quali sono le principali caratteristiche, i pro e i contro di Amazon e eBay?

Amazon vs eBay

Reduci da una lunga fase di lockdown, nella quale le e-Commerce hanno potuto dimostrare la propria importanza e affrontare le proprie lacune, molti commercianti si chiedono oggi quali siano i passaggi e quanto convenga accedere a un marketplace.
Secondo recenti statistiche la metà delle aziende italiane è presente sui marketplace. E ai primi due posti per i marketplace più utilizzati si trovano proprio Amazon (38%) ed eBay (19%).

AMAZON

Amazon, gigante dell’e-Commerce, caratterizzato da una forte identità del brand, si presenta come il principale rivenditore online affidabile e sicuro. I clienti hanno infatti la percezione di acquistare da Amazon stesso e non dai merchant.
Riporta nel 2019 un fatturato netto di 280,5 miliardi di dollari. Vanta, inoltre, un tasso di conversione del 13%, che è quasi sette volte la media del settore e-Commerce (2,04%).

L’accesso ad Amazon può avvenire in due modalità diverse.
Si può essere contattati per discutere un contratto da Vendor: in tal caso Amazon acquista il tuo inventario e si occupa della messa in vendita e sponsorizzazione dei prodotti.
Oppure ci si può iscrivere al marketplace come Seller. Anche in questo caso si può lasciare ad Amazon la responsabilità della logistica tramite il servizio Fulfilled by Amazon (FBA).
Inutile negare che un prodotto “venduto e spedito da Amazon” o “venduto da X e spedito da Amazon” comporta inevitabilmente più visibilità e di conseguenza più acquisti.
Dall’altro lato, un merchant indipendente (FBM) è esonerato da costi aggiuntivi e questo comporta margini di profitto più elevati.
In quest'ultimo caso, le tariffe prevedono un costo mensile di €39 (IVA escl.) per l’Account Pro, a cui si aggiungono le commissioni sul prezzo di vendita, che variano dal 7 al 15% con qualche eccezione (20% per la categoria Gioielli e 45% per gli accessori dei dispositivi Amazon).

I titolari di brand possono registrare il proprio marchio e questo offre loro la possibilità di gestire l’Amazon Store, un vero e proprio sito all’interno della piattaforma che funge da vetrina al brand.
Inoltre, i produttori che non hanno competitors attivi su Amazon potranno sottrarsi alla feroce competizione per la Buy Box: il bottone “Acquista Ora” che genera il 90% delle vendite. La Buy Box viene infatti assegnata al rivenditore con il miglior prezzo, feedback e sistema di logistica.

EBAY

eBay, con il suo utilizzo semplice e immediato, si presenta come l'e-Commerce accessibile da tutti, anche per piccole imprese non popolari.
Nel 2019 ha raggiunto i 183 milioni di utenti attivi e ha registrato un fatturato di 10,8 miliardi di dollari.
Nato come un marketplace per le Aste, in realtà l’80% dei prodotti attualmente in commercio sono venduti a prezzi fissi, nei cosiddetti annunci “Compralo Subito”.
Ad oggi però non sembra riuscire a catturare l’attenzione delle generazioni più giovani: il 61% della sua audience mondiale è infatti costituito da persone tra i 35 e i 64 anni.

È un marketplace dove la relazione tra venditore e acquirente è molto più diretta e l’intervento di eBay nella relazione è limitato a situazioni di controversie tra le due parti coinvolte.
A differenza di Amazon il feedback non viene attribuito al prodotto acquistato ma al venditore e spesso gli utenti tendono a fidarsi solo dei negozianti con molti commenti positivi. Questo assegna al feedback un attributo di notevole importanza, mettendo in difficoltà i venditori in conflitto con acquirenti poco corretti.

Nonostante ciò, eBay rimane un marketplace per gli affari, con prodotti a buon prezzo: una conseguenza delle tariffe notevolmente più basse rispetto ad Amazon. L’abbonamento mensile per un Negozio eBay è di soli €19.50, a cui si aggiungono le commissioni sul prezzo finale di circa 4-10%.

Complessivamente sono due marketplace che attraggono clienti diversi e ospitano numerose categorie di prodotti, alcune più adatte ad una piattaforma piuttosto che all’altra. Su Amazon i prodotti di elettronica, per la bellezza e per la casa sono i più popolari. Mentre su eBay gli articoli più acquistati sono principalmente pezzi di ricambio e accessori vari.
Ambedue offrono grandissime opportunità sia a chi sta già operando su una propria e-Commerce sia a chi deve ancora essere introdotto al mondo degli acquisti online.
Poiché una piattaforma non esclude l’altra, inserirsi su entrambi i marketplace non è dopotutto una mossa troppo azzardata.

Il servizio di consulenza eCommerce offerto da E-Business Consulting consente di valutare attentamente tutti gli elementi vincenti per la costruzione di un progetto e-Commerce che permetta di generare profitti in uno scenario di mercato che non concede errori di valutazione. Richiedi un preventivo gratuito!

Categoria: eCommerce

Dettaglio News

Dettaglio News 30/09/2020 E-Business Consulting
I NOSTRI CLIENTI